segue dalla parte 10

Rocce di Luna

Poter organizzare il codice in più file è molto utile per modularizzare i programmi, creando package che verranno caricati tramite l’istruzione require “nomefile”. Vediamo un esempio:

-- geompkg.lua
module("geom")

local function quadrato(x)
  return x*x
end

local function rettangolo(b,h)
  return b*h
end

function area(param)
  if param.lato then
    return quadrato(param.lato)
  end
  local area=rettangolo(param.base,param.altezza)
  if param.triangolo or param.trapezio then
    return area/2
  end
  return area
end
-- usepkg.lua
require('geompkg')

print(geom.area{base=3,altezza=5})

print(geom.area{lato=3})

--errore, quadrato è local nel modulo 
--quindi non accessibile esternamente
print(geom.quadrato(5))

nell’esempio vogliamo separare le funzioni di calcolo geometrico dal programma principale, così le raggruppiamo in un file geompkg.lua; notiamo che nello stesso file abbiamo definito anche delle funzioni locali che non saranno visibili all’esterno, come evidenziato dall’ultima riga di usepkg.lua. più avanti impareremo come un modulo possa anche essere binario, cioè compilato come codice nativo. Verificheremo perciò come sia agevole usare da Lua le sterminate librerie disponibili in C.

Attorno a questo primitivo meccanismo di modularizzazione la comunità opensource ha sviluppato una completa infrastruttura di versioning, deploy e gestione dei pacchetti che somiglia a quelli già disponibili in altri linguaggi come Python, Ruby, Perl, e che prende il nome di luarocks http://luarocks.org/. Grazie a questo progetto è semplicissimo installare e utilizzare numerosi moduli aggiuntivi per le più disparate esigenze, vediamo ora come sfruttarlo.

Anzitutto occorre installare luarocks, seguendo le istruzioni per compilare i sorgenti presenti sul sito o scaricando il pacchetto della nostra distribuzione preferita oppure. Su Debian/Ubuntu basta un:

$ sudo apt-get install luarocks

terminata l’installazione, controlliamo il percorso del repository:

$ grep -3 servers /etc/luarocks/config.lua 
rocks_servers = {
   [[http://luarocks.org/repositories/rocks]]
}

dopo esserci assicurati che l’ URL indicato sia raggiungibile, possiamo provare qualche ricerca:

$ luarocks search twitter
$ luarocks search sql

la maggior parte di questi progetti sono ospitati su http://luaforge.net, l’equivalente del più noto Sourceforge. A titolo di esempio e tanto per rimanere nell’ambito “lightweight”, installiamo e proviamo il modulo per interfacciarsi a sqlite:

$ sudo luarocks install luasql-sqlite3

se non avessimo già installato la libreria di sviluppo, eventualmente occorre un:

$ sudo apt-get install libsqlite3-dev.

Ci prepariamo un database e una tabella di prova:

$ sqlite3 dati.db
SQLite version 3.22.0 2018-01-22 18:45:57
Enter ".help" for usage hints.

sqlite> create table rubrica(nome varchar(35), telefono varchar(15));
sqlite> insert into rubrica values('Linus Torvalds','0123456732');
sqlite> insert into rubrica values('Richard Stallman','932874936');
sqlite>.quit

e lo interroghiamo da Lua:

$ lua
Lua 5.2.4  Copyright (C) 1994-2015 Lua.org, PUC-Rio
> require "luasql.sqlite3"
> db=luasql.sqlite3()
> conn=db:connect("dati.db")
> print(conn)
SQLite3 connection (0x99e05bc)
> curs=conn:execute("SELECT * FROM rubrica")
> print(curs:fetch())
Linus Torvalds	0123456732
> print(curs:fetch())
Richard Stallman	932874936


Published

07 September 2018

Category

programming

Tags